Aggregatore Risorse

null Le attività dell’ARPA Lazio in relazione alla discarica di Albano

Il 2 agosto 2021 la discarica di Albano/Roncigliano gestita dalla società Ecoambiente ha iniziato a ricevere i rifiuti provenienti dagli impianti previsti nell’ordinanza 2021 0107903 del 15/07/2021 della Citta metropolitana di Roma Capitale. Nella stessa data i tecnici dell’ARPA Lazio hanno effettuato un primo sopralluogo e hanno acquisito documentazione.

Il 3 agosto è stato effettuato un campionamento di rifiuti in ingresso (codice EER 191212) conferiti dalla SAF. Il campione è stato inviato ai laboratori dell’Agenzia per analisi tese a misurarne l’indice respirometrico dinamico potenziale e a verificarne l’ammissibilità in discariche di rifiuti non pericolosi.

Il 10 agosto il personale dell’Agenzia si è recato in discarica, ma non è stato possibile effettuare campionamento di rifiuti in ingresso, a causa della temporanea sospensione dei conferimenti disposta dalla ASL Roma 6.

Il 16 agosto è stato effettuato un campionamento di rifiuti in ingresso (codice EER 191212) conferiti da AMA. Il campione è stato inviato ai laboratori dell’Agenzia per analisi tese a misurarne l’indice respirometrico dinamico potenziale e a verificarne l’ammissibilità in discariche di rifiuti non pericolosi.

Il 19 agosto è stato effettuato il primo campionamento di acque sotterranee presso i 4 pozzi previsti dall'AIA, come indicato nell'ordinanza della Città Metropolitana di Roma Capitale.

Il 26 agosto il Direttore tecnico dell’Agenzia, Rossana Cintoli, il Direttore del Dipartimento pressioni sull’ambiente, Sergio Ceradini, e il Direttore del Servizio sezione provinciale di Roma, Tommaso Aureli, hanno incontrato una delegazione di cittadini e comitati di Albano presso la sede operativa di Roma dell’ARPA Lazio

Il 31 agosto è stato fatto un campionamento di rifiuti prodotti dall’impianto di trattamento dell’Azienda SAF a Colfelice (FR).

Il 1° settembre sono stati trasmessi a Comune di Albano, Città metropolitana di Roma Capitale e Regione Lazio gli esiti delle analisi effettuate sui campioni di rifiuti presi il 3 e 16 agosto.

Il 7 settembre è stato effettuato un campionamento di rifiuti in ingresso (codice EER 190503) conferiti da Giovi srl. Il campione è stato inviato ai laboratori dell’Agenzia per analisi.

L'8 settembre sono stati trasmessi a Comune di Albano, Città metropolitana di Roma Capitale, Regione Lazio e Ministero della Transizione Ecologica gli esiti delle analisi effettuate sui campioni di acque sotterranee presi il 19 agosto.

Il 14 settembre è stati effettuato un secondo campionamento di acque sotterranee presso i 4 pozzi previsti dall'AIA, come indicato nell'ordinanza della Città Metropolitana di Roma Capitale.

Il 15 e 16 settembre sono stati fatti ulteriori campionamenti di acque sotterranee presso altri 6 pozzi presenti nell'impianto, il cui monitoraggio non è previsto dall'ordinanza della Città Metropolitana di Roma Capitale.

Nei mesi successivi, l'attività è proseguita con campionamenti mensili dei 4 pozzi previsti dall'AIA, i cui esiti sono stati regolarmente trasmessi ai soggetti interessati.

Nel mese di dicembre 2021 è stato fatto un campionamento presso il pozzo Cbis (non compreso nell'AIA e quindi nell'ordinanza della Città metropolitana) che non era stato possibile valutare in occasione del campionamento del 15-16 settembre.

A gennaio 2022 è stato fatto un ulteriore campionamento su tutti i 7 pozzi non previsti dall'AIA e dell'ordinanza.

In allegato una relazione riassuntiva in cui sono riportati i valori riscontrati dalle analisi per i parametri che hanno presentato superamenti delle concentrazioni soglia di contaminazione rispetto ai limiti previsti dalla normativa ( D.Lgs. 152/06, Tabella 2, Allegato 5, Parte IV, Titolo V). La relazione è aggiornata ai dati relativi ai campioni di gennaio 2022