Aggregatore Risorse

Le attività dell'ARPA Lazio in occasione dell'incendio presso Ardea (Roma)

In relazione all’incendio che si è verificato la mattina dell’8 aprile ad Ardea e che ha coinvolto una discarica abusiva di pneumatici, l’ARPA Lazio nella stessa mattina ha effettuato un sopralluogo e i tecnici dell'Agenzia hanno installato, a poca distanza dall'incendio, un campionatore, strumento necessario per verificare l’eventuale presenza in aria di sostanze inquinanti come idrocarburi policiclici aromatici (IPA) e diossine.

L’area rossa nell’immagine che segue indica approssimativamente l’area dell’incendio. In giallo è indicata la posizione del campionatore. Le coordinate geografiche riportate si riferiscono al punto di osservazione (in blu).

I Vigili del Fuoco hanno comunicato la fine delle attività per lo spegnimento dell'incendio in data 11 aprile.

A seguire, report con i risultati delle analisi sui campioni raccolti

ASI e ARPA Lazio sperimentano nuove forme di monitoraggio del metano da discarica

Venerdì 1 marzo 2024, con la riunione di “kick off” ha preso ufficialmente il via il progetto GARMOSAT (GARbage MOnitoring SATellite), frutto della collaborazione tra l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Lazio (ARPA Lazio) nell’ambito dell’iniziativa I4DP_PA (Innovation for Downstream Preparation – Public Administration), mediante la quale ASI ha finanziato lo sviluppo congiunto di dimostratori e progetti pilota di servizi downstream attraverso la formalizzazione di Accordi tra Pubbliche Amministrazioni.

Il progetto è volto alla creazione di un servizio innovativo per il monitoraggio della qualità dell’ambiente in aree sensibili attraverso tecnologie satellitari combinate con sistemi modellistici e misure eseguite con droni e sensori a terra, focalizzato in via sperimentale sulla quantificazione del contenuto di metano e altri inquinanti climalteranti presenti nel biogas prodotto da discarica. Il progetto ha la durata di due anni e vede l’ARPA Lazio come proponente ed il Centro Interuniversitario di Ricerca sull'Inquinamento e sull'Ambiente "Mauro Felli” (CIRIAF) come partner scientifico.

L’obiettivo è la creazione di una piattaforma web che integri i dati raccolti in campagne di misura sul campo, i dati satellitari di missioni nazionali (PRISMA) ed europee (Copernicus) e ulteriori elementi ottenuti con software di analisi ambientali, facilitando l’accesso a dati e prodotti dell’elaborazione tanto agli operatori del settore rifiuti quanto alle autorità competenti per le attività di vigilanza e controllo, anche fornendo degli ‘alert’ in caso di superamento dei valori soglia fissati per gli inquinanti monitorati. Una volta messo a punto il prototipo, sarà possibile diffonderlo alle altre strutture del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA), come pure estendere la metodologia ad altri inquinanti ed altri tipi di pressioni ambientali.

(Per immagine di copertina: credits ASI)

Studenti greci in visita all’ARPA Lazio

Giovedì 29 febbraio la sede di Roma dell’ARPA Lazio ha ospitato una delegazione di studenti di età compresa tra 17 e 19 anni provenienti da Volos, in Grecia, per un incontro organizzato dall’INFOL (Innovazione Formazione Orientamento e Lavoro) di Roma nell’ambito del progetto europeo “Environmental and Land Planning: new professionalism for environmental protection and prevention of natural risk” (finanziato dal Programma di apprendimento permanente europeo “ERASMUS PLUS KA121”) che è rivolto a studenti provenienti da scuole superiori e università europee con l’obiettivo di formare competenze avanzate per affrontare sfide ambientali e rischi naturali.

Nella prima parte della visita, gli studenti hanno incontrato personale della Direzione tecnica dell’ARPA Lazio per una presentazione dell’Agenzia, del suo ruolo istituzionale, dei progetti in corso e di tutto quanto concerne le azioni di controllo, monitoraggio e salvaguardia del territorio; successivamente hanno approfondito la materia delle attività di monitoraggio, controllo e analisi anche visitando i laboratori chimico e ambientale della sede operativa di Roma.

Gli studenti e i rappresentanti dell’INFOL che li accompagnavano hanno espresso soddisfazione per l’andamento di questa esperienza di apprendimento, sottolineando come l’insieme degli incontri sia stato particolarmente stimolante e abbia anche fatto emergere chiaramente il ruolo fondamentale della collaborazione internazionale nella protezione dell'ambiente e nella salute pubblica.

L’ARPA Lazio non sta effettuando controlli negli appartamenti sulla qualità delle acque potabili

Negli ultimi giorni, più cittadini hanno contattato l’ARPA Lazio raccontando di aver ricevuto una telefonata relativa a presunti controlli in corso da parte dell’Agenzia in merito alla qualità delle acque potabili all’interno delle abitazioni.

L’ARPA Lazio non sta svolgendo alcun tipo di campagna analitica di questo genere, né ci risultano fenomeni di peggioramento delle acque potabili che giustificherebbero una simile attività di controllo. Si tratta probabilmente di informazioni false diffuse al fine di vendere strumenti per la depurazione domestica, da cui questa Agenzia si dissocia completamente: si invitano, anzi, i cittadini a segnalare alle Forze dell’Ordine come possibile truffa qualunque tentativo di proposta commerciale associata al nome dell’ARPA Lazio.

Danila Grimaldi Abbafati vicedirettrice ARPA Lazio

A seguito di nomina da parte della Regione Lazio, Danila Grimaldi Abbafati si è insediata lunedì 12 febbraio 2024 come vicedirettrice dell’ARPA Lazio, andando ad affiancare il vicedirettore Maurilio Fraboni, insediatosi il 18 gennaio.

Grimaldi Abbafati, laureata in giurisprudenza e avvocato dal 2008, vanta una lunga esperienza di attività in materie giuridiche presso amministrazioni pubbliche, in particolare la Provincia di Latina e la Regione Lazio.