Aggregatore Risorse

ARPA Lazio partner della Nasa nel progetto MAIA

È appena partita la collaborazione tra l’ARPA Lazio e il Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa per il progetto MAIA (Multi Angle Imager for Aerosols) il cui scopo è studiare come i diversi tipi di inquinamento atmosferico da particolato influiscano sulla nostra salute. In questo progetto, infatti, per la prima volta la l’Agenzia spaziale americana collaborerà con gli epidemiologi e le organizzazioni sanitarie utilizzando dati satellitari per studiare le ricadute sulla salute umana. Il progetto si basa sulla realizzazione di un nuovo strumento per lo studio dell’inquinamento che scansionerà l’atmosfera con una telecamera spettropolarimetrica in grado di caratterizzare le proprietà delle particelle di aerosol. L'ARPA Lazio si occuperà di fornire tutti i dati necessari per la caratterizzazione del particolato a Roma. Per maggiori informazioni è possibile consultare la sezione ARIA - Progetti sul sito e il documento qui allegato.

Studio della qualità dell'aria a Roma e nel Lazio durante il lockdown 2020

Si è tenuto venerdì 26 febbraio il webinar online organizzato dal  Servizio qualità dell'aria e monitoraggio degli ambienti fisici dell'ARPA Lazio dedicato allo studio della qualità dell'aria a Roma e nel Lazio durante il lockdown del 2020. Il webinar ha visto la partecipazione di esperti qualificati in rappresentanza di rilevanti soggetti privati e istituzionali che hanno affrontato il tema del monitoraggio della qualità dell'aria da diversi punti di vista; la giornata si rivolgeva in primo luogo a chi si occupa professionalmente di inquinamento atmosferico, ma gli interventi, pur nel rispetto del rigore scientifico hanno cercato di aver un taglio almeno parzialmente divulgativo e adatto anche a chi non è esperto della materia. La registrazione audio del webinar (con le presentazioni a video) è disponibile su Youtube all'indirizzo https://www.youtube.com/watch?v=eJOKc5ronsc 

Le attività dell'ARPA Lazio in occasione dell'incendio alla Eureka di Piedimonte 

In relazione all’incendio che si è verificato il 23 agosto nel territorio comunale di Piedimonte San Germano (FR) e che ha coinvolto capannoni dell'azienda "Eureka" adibiti a deposito di pneumatici, l’ARPA Lazio ha effettuato monitoraggi dell'aria, dell'acqua e del suolo.

Per quanto riguarda l'aria, l'Agenzia ha installato a breve distanza dall’area interessata un campionatore ad alto volume, strumento necessario per verificare l’eventuale presenza in aria di sostanze inquinanti come idrocarburi policiclici aromatici (IPA) e diossine. Il monitoraggio è stato avviato lo stesso giorno dell'incendio ed è durato per diversi giorni.

Per quanto riguarda le altre matrici, è stato prelevato un campione di acqua nel Rio Pioppeto e sono state effettuate le attività di campionamento del suolo in sei punti individuati anche in base alla mappa di possibile dispersione degli inquinanti. Tutti i campioni raccolti sono stati analizzati dai laboratori dell'Agenzia per la determinazione dei valori di diossine, IPA e PCB

In allegato i resoconti delle varie attività di monitoraggio comprensivi degli esiti delle analisi

Le attività dell'ARPA Lazio in occasione dell'incendio in via di Valle Caia ad Ardea 

In relazione all’incendio che si è verificato il 20 agosto ad Ardea (RM) in alcuni capannoni in via di Valle Caia, l’ARPA Lazio ha effettuato monitoraggi dell'aria e del suolo.

Per quanto riguarda l'aria, l'Agenzia ha installato a breve distanza dall’area interessata un campionatore ad alto volume, strumento necessario per verificare l’eventuale presenza in aria di sostanze inquinanti come idrocarburi policiclici aromatici (IPA) e diossine. Il monitoraggio è stato avviato il 20 agosto ed è proseguito fino al 22.

Per quanto riguarda il suolo, sono stati prelevati diversi campioni in punti individuati anche in base alla mappa di possibile dispersione degli inquinanti. Tutti i campioni raccolti sono stati analizzati dai laboratori dell'Agenzia per la determinazione dei valori di diossine, IPA e PCB

In allegato i resoconti delle varie attività di monitoraggio comprensivi degli esiti delle analisi

Le attività dell'ARPA Lazio in occasione dell'incendio alla LOAS di Aprilia

In relazione all’incendio che si è verificato il 9 agosto nell’area industriale di Aprilia (LT) e che ha coinvolto l’impianto di trattamento rifiuti dell'azienda LOAS, l’ARPA Lazio ha effettuato monitoraggi dell'aria, dell'acqua e del suolo.

Per quanto riguarda l'aria, l'Agenzia ha installato a breve distanza dall’area interessata un campionatore ad alto volume, strumento necessario per verificare l’eventuale presenza in aria di sostanze inquinanti come idrocarburi policiclici aromatici (IPA) e diossine. Il monitoraggio è stato avviato nelle prime ore del 10 agosto ed è durato per diversi giorni.

Per quanto riguarda le altre matrici, il 14 agosto è stato prelevato un campione di acqua nel fosso Leschione e il 21 agosto sono state effettuate le attività di campionamento del suolo in tre punti individuati anche in base alla mappa di possibile dispersione degli inquinanti. Tutti i campioni raccolti sono stati analizzati dai laboratori dell'Agenzia per la determinazione dei valori di diossine, IPA e PCB

In allegato i resoconti delle varie attività di monitoraggio comprensivi degli esiti delle analisi