Briciole di pane
Acqua
Laghi

Il Lazio è una delle regioni italiane pi๠ricche di corpi idrici lacustri che con la loro superficie occupano circa l'1,3% dell'intero territorio regionale. I laghi pi๠importanti sono di origine vulcanica, come quello di Bolsena, che è il pi๠grande del Lazio ed è il quinto in Italia con una superficie 114 kmq, un perimetro di 43 km e una profondità  massima di 151 m. Il lago di Bracciano, situato a nord nei monti Sabatini, è il secondo lago della regione per grandezza con una superficie di 57,5 kmq ed una profondità  massima di 160 m; ha origine da una caldera vulcanica di forma circolare che occupa un insieme di cavità  crateriche dei monti Sabatini ed è alimentato da un modesto bacino imbrifero e da acque sotterranee. Il lago di Vico ha un'estensione di circa 12 kmq, una profondità  massima di 49,5 m e presenta una caratteristica forma a ferro di cavallo dovuta dalla presenza dello sperone del Monte Venere, cono vulcanico secondario all'interno del cratere principale che ospita il lago. Altri importanti bacini di origine vulcanica sono i laghi Albano e di Nemi. Il lago del Turano è, invece, un grande bacino artificiale creato nel 1939 con lo sbarramento dell'omonimo fiume.

Legenda

    Rete di monitoraggio fiumi Rete di monitoraggio fiumi

    Fiume fiumi

    LagoLago

    Bacino Idrografico Bacino Idrografico

    Confini provinciali Confini provinciali

    Laghi

La rete di monitoraggio per la classificazione dello stato di qualità  ambientale dei laghi della Regione Lazio, stabilita per il triennio, interessa 14 corpi lacustri: Bolsena, Vico, Mezzano, Lungo, Ripasottile, Salto, Scandarello, Turano, Ventina, Albano, Nemi, Martignano, Bracciano, Canterno. Tali corpi idrici vengono costantemente monitorati dall'ARPA Lazio attraverso campionamenti e analisi di tipo biologico e chimico-fisico al fine di esprimere un giudizio di qualità  sul loro stato ambientale e verificare il rispetto della normativa vigente.

Anagrafica stazioni di monitoraggio

Gli indicatori ambientali di riferimento per la valutazione dello stato ecologico previsti dal Decreto 260/2010, sono:

  • Indicatori biologici (fitoplancton, macrofite, macroinvertebrati e pesci) il cui monitoraggio è pianificato in modo differente per ogni stazione;
  • Elementi di qualità  fisico - chimica a sostegno: LTLeco (Livello Trofico Laghi per lo stato ecologico);
  • Elementi chimici a sostegno (altre sostanze non appartenenti all’elenco di priorità ).

Tali indici sono classificati secondo cinque classi di qualità : "Elevato", "Buono", "Sufficiente", "Scarso" e "Cattivo" ad eccezione degli elementi chimici a sostegno il cui stato è espresso da "Elevato", "Buono" e "Sufficiente".

Gli indicatori ambientali di riferimento per la valutazione dello stato chimico, secondo quanto previsto dal 152/2006 e s.m.i. sono:

  • L'indice chimico basato sulla presenza di sostanze inquinanti di natura pericolosa e persistenti nella matrice acqua
  • L'indice chimico basato sulla presenza di sostanze inquinanti di natura pericolosa e persistenti nella matrice pesci

L'indice di stato chimico è basato sulla valutazione di sostanze inquinanti di natura pericolosa e persistenti nella matrice acqua con livelli di concentrazione superiore agli Standard di Qualità  Ambientale stabiliti dal D.lgs. 172 del 2015. Le concentrazioni delle sostanze riportate nel Decreto sono definite dagli standard di qualità  ambientale (SQA) espressi come valori medi annui (SQA-MA) e come concentrazioni massime ammissibili (SQA_CMA), fissati dalla tabella 1/A del DM 260/2010. Per i laghi la concentrazione media annua è calcolata a partire dalle medie dei valori misurati sui campioni raccolti lungo la colonna d'acqua in ciascuna data di monitoraggio. I corpi idrici che soddisfano tutti gli standard di qualità  ambientale stabiliti per ciascuna delle sostanze dell'elenco di priorità  vengono classificati nello stato chimico "buono". In caso di superamento degli standard di qualità  ambientale, anche per un solo anno del triennio o e anche per una sola sostanza ricercata, il corpo idrico lacustre è classificato come "non buono" per lo stato chimico.

Nel 2018, l'Agenzia ha monitorato lo stato di qualità  di 13 corpi idrici lacustri. Al termine del triennio di monitoraggio, fine 2020, verranno definiti gli indici di qualità , ovvero stato ecologico e chimico definitivi. L'elemento di qualità  biologico (EQB) analizzato è il fitoplancton che attraverso l'applicazione dell'indice complessivo per il fitoplancton (ICF), per il quale tuttavia i dati della provincia di Rieti sono ancora in corso di elaborazione, ha restituito una valutazione parziale del corpo idrico che sarà  successivamente utilizzata nella stima dello stato ecologico assieme al LTLeco, ai parametri a sostegno Tab 1/b e allo stato chimico. Nella tabella sottostante vengono riportati i risultati dell'ICF fitoplancton, il giudizio del livello trofico (LTLeco), gli elementi chimici a sostegno (tab.1/B) secondo il D.Lgs. 172/2015 e lo stato chimico ottenuti per l'anno 2018.

Visualizza i dati