Briciole di pane
Rifiuti
Il Catasto dei rifiuti

Il Catasto Rifiuti, istituito con la legge 9 novembre 1988 n. 475, è la struttura deputata alla raccolta e organizzazione di tutti i dati relativi alla produzione e gestione dei rifiuti. Esso è disciplinato dall’articolo 189 del D.Lgs 152/06 ed è articolato in:

  • una Sezione nazionale con sede a Roma presso l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale – ISPRA;
  • in Sezioni regionali o delle province autonome di Trento e di Bolzano presso le corrispondenti Agenzie per la Protezione dell’Ambiente Regionali (ARPA), o delle Province Autonome per la protezione dell’ambiente (APPA).

Il Catasto dei rifiuti assicura un quadro conoscitivo completo e costantemente aggiornato dei dati relativi alla produzione e gestione dei rifiuti ai fini dello svolgimento delle attività di monitoraggio, pianificazione e controllo ambientale nel settore dei rifiuti. Le Sezioni regionali del catasto svolgono attività di raccolta, bonifica, validazione ed elaborazione dei dati, nonché di supporto informativo qualificato agli enti territoriali competenti e a tutti i soggetti istituzionali e privati interessati alle problematiche connesse ai rifiuti.

Le informazioni presenti presso la Sezione regionale del catasto dei rifiuti, in coerenza con le previsioni del decreto ministeriale 4 agosto 1998 n.372, sono quindi:

  • la produzione regionale di rifiuti urbani (dati acquisiti dagli Osservatori provinciali dei rifiuti);
  • la produzione e gestione regionale di rifiuti speciali (dati acquisiti tramite il Modello Unico Dichiarazione Ambientale - MUDA – trasmesso dalle imprese alla Camera di Commercio);
  • gli impianti di trattamento di rifiuti urbani e speciali classificati in impianti autorizzati in procedura ordinaria, impianti autorizzati in procedura AIA e impianti autorizzati in procedura semplificata all'esercizio delle operazioni di recupero (i dati sono raccolti attraverso l'analisi degli atti autorizzativi detenuti presso gli archivi);
  • i dati relativi alle iscrizioni all'Albo delle imprese che effettuano la gestione dei rifiuti;
  • i dati relativi alla detenzione e allo smaltimento degli apparecchi contenenti PCB (dati acquisiti attraverso le dichiarazioni previste dal D.lgs. 22 maggio 1999 n.209, modificato dal D.Lgs 11 maggio 2005 n. 133).
  • Le comunicazioni sono effettuate con cadenza biennale ai sensi dell'articolo 3 al Dlgs 209/99 e s.m.i, e in ogni caso entro 10 giorni dal verificarsi di un qualsiasi cambiamento del numero di apparecchi contenenti PCB o delle quantità di PCB detenute.
  • Gli apparecchi da dichiarare sono quelli con un volume superiore a 5 dm³ .
O.R.So (Osservatorio Rifiuti Sovraregionale)

L’ARPA Lazio, sulla base di una convenzione siglata con la Regione Lazio ad agosto 2019, è incaricata di gestire l'applicativo web O.R.So. (Osservatorio Rifiuti Sovraregionale), già attivo in quindici regioni, per la raccolta di tutti i dati e le informazioni relative alla produzione e gestione dei rifiuti urbani e ai rifiuti gestiti dagli impianti di recupero e smaltimento sul territorio regionale.

L’obiettivo generale è quello di semplificare ed uniformare le modalità di gestione e di trasmissione dei dati a disposizione di tutti gli Enti competenti in materia di rifiuti urbani nel Lazio, per poi renderli disponibili ai diversi usi istituzionali (Regioni, Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, Catasto dei rifiuti, Province, Comuni, ecc.) e al pubblico in generale, evitando in tal modo duplicazioni ed aumentando la diffusione di conoscenza e i livelli di trasparenza sull’argomento.

Quindi, l’utilizzo dell’applicativo O.R.So. favorisce:

  • la contabilizzazione e l’elaborazione statistica dei dati sui rifiuti urbani prodotti e gestiti dai Comuni e dei rifiuti ritirati e gestiti dagli impianti di trattamento;
  • la pianificazione e la programmazione a livello regionale e provinciale, la verifica dell’attuazione dei piani e il raggiungimento degli obiettivi previsti (in termini di riduzione e recupero dei rifiuti, disponibilità di impianti, autosufficienza e gestione emergenze, ecc.);
  • l’approvazione da parte della Regione Lazio della percentuale di raccolta differenziata raggiunta a livello comunale, con i relativi sistemi di premialità a livello nazionale e regionale per i Comuni virtuosi;
  • la generazione automatica del MUD da parte del Comune e la trasmissione diretta nel portale MudComuni.it, nonché l’elaborazione di altre informazioni richieste sulla gestione dei rifiuti urbani;
  • lo svolgimento delle attività di competenza del Comune (e/o del gestore privato) in materia di servizi di raccolta e trattamento dei rifiuti urbani, offrendo uno strumento utile a migliorarne efficacia ed efficienza.

I Comuni, mediante la compilazione della “Scheda Comuni”, attivata a luglio 2020, forniscono i dati annuali inerenti alla produzione e la gestione dei rifiuti urbani, che comprendono le seguenti informazioni per ogni rifiuto raccolto: modalità e frequenza di raccolta, quantitativi totali, soggetto/i trasportatore/i e impianto/i di trattamento; costi dei servizi; presenza di infrastrutture per la raccolta differenziata (centri di raccolta), diffusione del compostaggio domestico, ecc.

La compilazione della “Scheda Impianti”, attivata a maggio 2021, che coinvolge i gestori privati nella raccolta dei dati sui quantitativi dei rifiuti ritirati e gestiti dagli impianti di trattamento, recupero e smaltimento rifiuti nel territorio regionale, consente, oltre che di validare i dati forniti dai Comuni, anche di supportare la valutazione degli obiettivi di riciclo e recupero di materia ed energia, nonché altri obiettivi stabiliti dalla normativa nazionale e regionale.

L’Agenzia assicura in via permanente l’assistenza rapida ed efficace per le diverse attività previste, grazie all’apposito servizio di Help Desk reperibile all’indirizzo email orsolazio@arpalazio.it e ai seguenti recapiti telefonici: per scheda impianti - 06/48054236 e 3358238523; per scheda Comuni – 06/48054237 e 3358133896 (attivi lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì, con orario 9.00-12.00 e martedì pomeriggio con orario 14.00-16.00).